PARABELLUM (LUGER)

Al centro Georg Luger
Al centro Georg Luger

Anno       Tipo                      Calibro           Lungh. canna              Note

                                                                                  mm.

1900         Commerciale           7,65                    120                Sicurezza nell'impugnatura

 

1900       Militare Svizzero     7,65                   120                 Sicurezza nell'impugnatura,

                                                                                                          Corona Svizzera sulla camera

 

1900       Americano                 7,65                     120             Sicurezza nell'impugnatura,

                                                                                                       Aquila Americana sulla camera

 

1902       Commerciale             7,65                    101         Sicurezza nell'impugnatura.

Può presentare l'Aquila Americana. Questo modello ha una canna più grossa dei tipi 1900

 

1903       Carabina                   7,65                     300         Fusto in legno, canna rinculante,

       sicurezza nell'impugnatura, alzo fino a 800 m.

 

1903     Carabina                     9                      300     Pochi esemplari costruiti in base a

                                                                                              particolari ordinazioni

 

1904     Navale                       9                       152  Alzo a due tacche ;estrattore con la scritta GELADEN; GESICHERT sotto la sicura; aletta per calciolo, sicurezza nell'impugnatura

Tutti i modelli di cui sopra sono del tipo originale, con tassello blocca-snodo, "Otturatore a dorso piatto e molla di recupero a lamina.

1906       Modello sperimentale     11,38                 127                   Attualmente sembra

               per l'U.S. Army               (0,45in)                                    esista un solo esemplare

 

1906       Commerciale                 7,65                   120         Sicurezza nell'impugnatura;

                                                                                             sprovvisto di aletta per calciolo

 

Anno       Tipo                           Calibro           Lungh. canna              Note

                                                                                         mm.

 

1906       Commerciale                   9                       101     Sicurezza nell'impugnatura

 

1906       Navale                             9                    152      Privo di sicurezza nell’impugnatura

                                                                 aletta per il calciolo; tacca di mira a due posizioni

 

1906       Navale-Commerciale      7,65         152   Privo di sicurezza nell'impugnatura; aletta per il calciolo; tacca di mira a 2 posizioni; con marchi di prova civili

 

1906       Navale-Commerciale      9               152   Privo di sicurezza nell'impugnatura; eletta per il calciolo; tacca di mira a 2 posizioni; con marchi di prova civili

Tutti i modelli di cui sopra hanno la posizione di sicura superiore, mentre in quelli successivi è inferiore.

Anno       Tipo                           Calibro           Lungh. canna              Note

                                                                                         mm.

1908         Commerciale                    9                           101

 

1908         Modello Militare ’08      9                           101         Può essere prodotto dalla DWM o ERFURT; può essere dotato di avviso di arma scarica; può avere o meno aletta per calciolo

 

1908           Svizzero                        7,65                      120     Sicurezza nell'impugnatura

 

1908           Navale                           9                           120     Come il Modello Navale·'06,

                                                                                              ma con sicurezza nell'impugnatura

 

1914        Navale                             9                          152       Come il Modello Navale '08,

                                                                                                          ma con la data sulla camera

 

1914           Militare                       9                           101     Datato~ DWM o ERFURT;

                                                                                              modifica al profilo del dente d'arresto

 

1917           Militare                       9                             203   DWM; alzo a quadrante

 

1920           Commerciale             9                           101 DWM o ERFURT; senza data;

                                                                                                     marchi civili

 

1920         Commerciale              7,65                     152 Armi ex-militari rielaborate

 

1920         Carabina                     7,65                     300     Armi costruite con parti di

                                                                                                   ricambio. Pochissime prodotte

 

1922           Simson                     9                           101   SIMSON & CO SUHL

 

1922         Simson                      7,65                     101   SIMSON & CO SUHL

 

1923           Questo modello si può incontrare nei due calibri, in ogni lunghezza di canna (da 82 mm. a 406 mm.), con iscrizioni in inglese o in tedesco. Le armi importate dagli Stati Uniti sono contrassegnate LUGER e A.F. STOEGER sulla destra del fusto.

1924         Vickers-Olandese      9                       101   Contrassegnato VICKERS LTD

                                                                                                     sullo snodo

 

1924           Svizzero                   7,65                   120   Contrassegnato WAFFENFABRIK

                                                                                                 BERN. Sicurezza nell'impugnatura

Anno       Tipo                           Calibro           Lungh. canna              Note

                                                                                         mm.

1929           Svizzero                             7,65               120                   Contrassegnato

                                                                                                          VICKERS LTD sullo snodo

 

1934      Mauser commerciale           7,65             101         Contrassegnato

                                                           WAFFENFABRIK BERN. Sicurezza nell'impugnatura

 

1934     Mauser militare ’08              9                     101     Datato, stemma Mauser

 

1934     Mauser commerciale           9                   101     Senza data, stemma Mauser;

                                                                                                     marchi civili

 

1934       Krieghoff Commerciale    7,65               101     Senza data; contrassegnato

                                                                                                     KRIEGHOFF SUHL

 

1934     Krieghoff Commerciale     9                   101       Senza data; contrassegnato

                                                                       HEINRICH KRIEGHOFF WAFFENFABRIK SUHL

 

1934     Krieghoff militare ’08          9                   101     Datato; contrassegnato

                                                                                                   KRIEGHOFF SUHL    

 

Il modello prodotto nel 1934 rimase in produzione fino al 1943; tuttavia modelli successivi furono contrassegnati in codice.

La pistola Parabellum, più nota comunemente come Luger, è senza dubbio l'arma tedesca maggiormente conosciuta e forse attualmente la più ambita nel mondo. Essa ha rappresentato l'argomento di innumerevoli articoli e libri e generalmente parlando, ha assunto un'importanza che è ben lontana dall'essere giustificata. È un'arma buona, riuscita e ben costruita, ma non più di tante altre, più adatte all'impiego bellico, che furono adottate da altre nazioni.

La ragione di tutto ciò sta certamente nel fatto che fu la pistola giusta, al posto giusto e nel tempo giusto; quando l'Esercito tedesco stabilì che occorreva una pistola automatica, la Parabellum era pronta, e per di più era un modello indigeno. Nei primi anni del XX secolo una grande potenza non avrebbe mai pensato di adottare un modello straniero portando la Germania a scegliere tra la Mauser e la Parabellum.

Quest'ultima era la più maneggevole e inoltre disponibile senza difficoltà nel calibro desiderato; da allora in poi, dati i progressi della potenza militare tedesca, l'avvenire della Luger fu assicurato. Oltre a ciò le nazioni minori, che guardavano alla Germania come guida nel campo degli armamenti, la adottarono in numerosi esemplari. Durante la Prima Guerra Mondiale, i soldati alleati armati di revolvers apprezzarono ogni pistola automatica che potevano catturare come un sensibile contributo al loro arsenale, e la Parabellum era la migliore di esse.Sfogliando certe riviste specializzate americane degli anni trenta, ci si domandava se l'Esercito tedesco fosse equipaggiato anche con qualche altra arma.

La storia si ripeté nella Seconda Guerra Mondiale; la Parabellum divenne un prezioso ricordo di guerra e un soldato che ne avesse una in più poteva concludere un vantaggioso affare, vendendola, quando andava in licenza: Si sapeva che il ponte sul fiume presso Flensburg era praticamente appoggiato su una massa di arrugginite Parabellum, gettatevi dalla Polizia Militare britannica dopo aver disarmato le truppe tedesche che nel 1945 rimpatriavano dalla Danimarca. Sarebbe inoltre possibile per un subacqueo camminare da Dover a Calais su un tappeto di Luger buttate via dai soldati inglesi intimoriti dalla severa voce degli altoparlanti, che li ammoniva su quanto poteva capitar loro se avessero introdotto illecitamente in patria delle pistole.

Tutto questo è però leggenda; passiamo ora a studiare i fatti e a tracciare la storia di questa pistola.

Georg Luger, l'uomo che diede il suo nome a quest'arma (chiamata in origine Parabellum-Pistole, System Borchardt- Luger), era un ingegnere della società berlinese di Ludwig Lowe & Co., della quale era anche il delegato nel rapporti con diversi governi. La sua grande passione, come appare dai 

suoi vari brevetti, consisteva nello studio di un fucile auto­matico. La pistola Borchardt era in produzione alla Lowe negli anni novanta e Luger, in qualità di rappresentante, nel 1894 presentò quest'arma negli Stati Uniti. Sembra che egli fosse favorevole alla concezione della Borchardt ma dissen­tisse sulla sua realizzazione, assumendosi così il compito di semplificare il modello e di produrre una pistola più maneg­gevole ed efficiente.

I frutti della sua opera sono racchiusi nel Brevetto Inglese 4399 del 7 marzo 1900, un voluminoso documento in cui viene descritta la nuova pistola nei dettagli più particolareggiati; si tratta infatti di un modello con tutte le caratteristiche di un brevetto a prova di plagio. In sostanza, mantenendo lo snodo a ginocchio della Borchardt, Luger migliorò il sistema elastico dello stesso e riuscì a dare un'inclinazione al calcio in modo da rendere la presa più “istintiva”».

Il brevetto riguardava altri minori particolari, quali una modifica al funzionamento del dente d'arresto, una migliore sicura, un estrattore perfezionato e via dicendo. Luger aveva già progettato qualche modello intermedio tra la Borchardt e la nuova pistola e, sebbene almeno una fosse stata effetti­vamente costruita, non si passò mai alla produzione in serie e alla vendita.

Il Modello 1900 è l'archetipo della Parabellum da cui ebbero origine tutte le altre, anche se le differenze tra mo­dello e modello furono assai modeste. I più appassionati tra i collezionisti di Luger fanno innumerevoli distinzioni, consi­derando addirittura diversi i due modelli della stessa pistola commissionati da governi diversi, dato che portano differenti iscrizioni.

Non volendo contestare la loro erudizione, intendo sempli­ficare la trattazione ed elencare solo i tipi che presentino differenze strutturali.

LUGER PARABELLUM MOD. 1900

Come ogni Parabellum che lo seguì, questo modello è costi­tuito da tre elementi di base: fusto, canna e culatta e mec­canismo d'otturazione. Il fusto porta il caricatore nel calcio, è solcato superiormente per guidare il movimento della canna e del castello, e termina nella parte posteriore con due orecchiette che formano anteriormente una superficie a camma. Il fusto porta inoltre il grilletto, il chiavistello di chiusura e la leva di sicurezza, insieme con un'altra sicurezza nell'impugnatura sulla parte retro stante del calcio. La can­na, di forma conica, termina con un rinforzo di volata ed è avvitata sul davanti del castello che si estende posteriormen­te con due bracci. Il braccio di sinistra porta il dente d'ar­resto e quello di destra l'espulsore. Entrambi sono sagomati internamente per consentire la guida dell'otturatore.

Il blocco otturatore comprende l'otturatore propriamente detto, che porta con sé il percussore con molla, e ha l'estrat­tore nella parte superiore; collegato all'otturatore è il cosid­detto ginocchiello. Questo è formato da due bracci, uniti insieme al centro, incernierati all'otturatore anteriormente e con un foro per un perno assiale nella parte posteriore. Il giunto dello snodo è zigrinato su ogni lato; quello a destra è dotato di un ritegno ed è intagliato posteriormente.

Il Modello 1900 si distingue da quelli successivi per: la molla di recupero nascosta nel calcio, del tipo a lamina avvolta, non a spirale; le prese del ginocchiello sono tagliate e portano il fermo di ritegno; il dorso dell'otturatore è com­pletamente piano e non vi sono iscrizioni né sui fianchi del­l'estrattore né sul fusto al di sotto della sicura; la leva di sicurezza è solcata longitudinalmente per circa due terzi della lunghezza invece di essere zigrinata, la sicurezza è nell'impugnatura e non vi è l'aletta per il calciolo; inoltre la posizione della sicurezza è in alto. La canna è lunga 112 mm.; gli esemplari prodotti per il mercato europeo differiscono da quelli realizzati per gli Stati Uniti avendo questi ultimi un'elaborata Aquila americana incisa sulla camera. Erano tutti costruiti dalla Deutsches Waffen-und Munitionsfabrik di Karlsruhe e portavano il monogramma DWM sul collega­mento anteriore del giunto.

Il funzionamento di questo modello deve più a Rugo Borchardt che a Georg Luger, in quanto è notevolmente di­verso rispetto al meccanismo dei prototipi. Per aprire la cu­latta nel Modello 1900 è necessario afferrar:e il giunto e tirarlo indietro prima di tentare di aprirlo. La ragione di quanto sopra può essere vista esaminando il giunto a snodo destro. Questo contiene un sottile fermo a molla che, ad arma chiusa, alloggia in una solcatura ricavata nella parte superiore destra del fusto; la parte superiore di questa sol­catura è intagliata nella parte posteriore del fermo, con l'ef 

fetto che il ginocchiello non può sollevarsi finché non è arre· trato abbastanza da allinearsi con la sezione intagliata. In altre parole occorre arretrare la canna, simulando il rinculo, prima di aprire la culatta, come nella pistola Mauser Militare. Mentre tale particolarità appare nel brevetto, il suo scopo non \iene precisato, per cui si può supporre soltanto che si tratti di un blocca-snodo. Ciò è relativamente diffuso nelle mitra· gliatrici ad otturatore alternativo ed è destinato a far sì che nel suo rapido movimento l'otturatore non rimbalzi dalla culatta al momento della chiusura e prima dello scatto.

La Parabellum sembra l'unica pistola che sia stata munita di questo dispositivo e probabilmente questo è dovuto alla preoccupazione di Borchardt circa i fucili automatici, nei quali molle di recupero relativamente robuste erano unite a otturatori piuttosto leggeri. In numerosi tipi di pistole il peso della massa rinculante rispetto all'arma è così alto che un fenomeno del genere è praticamente impossibile, ma per gli otturatori tanto leggeri della Parabellum e della Borchardt un blocca·snodo è ammissibile. Il congegno fu presto trovato superfluo; ovviamente una volta che l'otturatore è chiuso a snodo, si ha un bloccaggio meccanico e un rimbalzo non può avvenire. Ma questo fatto fu riconosciuto solo in base alle esperienze pratiche, e fa parte delle modifiche apportate via via all'arma.

Conviene ora esaminare nei particolari la struttura e lo smontaggio del Modello 1900, allo scopo di fare una descri­zione di base che può servire anche per gli altri modelli, che potranno essere citati con la sola annotazione delle differenze rispetto a questo tipo fondamentale.

Il meccanismo di culatta della Parabellum e della Borchardt non ha avuto imitazioni in nessun'altra arma. Si tratta fondamentalmente dell'originale appoggio a ginocchio della mitragliatrice Maxim realizzato da Maxim stesso nel 1884, con la differenza che il giunto di Maxim si abbassava e quello di Borchardt si sollevava. Nel perfezionamento ap­portato da Luger il ginocchiello consiste in tre elementi fondamentali: l'otturatore, che scorre avanti e indietro nelle guide del prolungamento della canna, il braccio anteriore dello snodo, articolato anteriormente all'otturatore e poste­riormente al terzo elemento, il braccio posteriore. Il giunto dei due bracci è costruito in modo da dar origine a due prese sporgenti che servono ad azionare a mano ginocchiello e otturatore per caricare la pistola e costituiscono anche una superficie mobile che impegna l'appoggio a camme formato dalle orecchie del fusto. La parte posteriore del giunto è incernierata alla parte posteriore del prolungamento della

canna, in modo che a otturatore chiuso e con il colpo in camera i due bracci del giunto siano perfettamente distesi e formino una struttura rigida tra la testa dell'otturatore e il perno d'unione che collega il braccio posteriore al fusto.

Al momento dello sparo, il rinculo porta la canna e il suo prolungamento (completo di otturatore e ginocchiello) ad arretrarsi. Il ginocchiello resta rigido finché la pressione nella camera è alta. Il rinculo continua per circa 6 mm. compri­mendo la molla di recupero. Questa, una molla a lamina sistemata dietro l'impugnatura, è trattenuta da un gancio dipendente dal braccio posteriore dello snodo e, non appena ha inizio il rinculo, tale gancio comprime sempre di più la molla.

Alla fine della corsa di rinculo gli elementi del giunto a ginocchio colpiscono la superficie a camma del fusto e il ginocchiello viene sollevato in modo da piegare la struttura rigida di chiusura meccanica, precedentemente mantenuta. Contemporaneamente il rinculo viene fermato da un dente sul prolungamento della canna, che urta contro una spor­genza d'arresto del fusto, e da questo momento la forza di rinculo si concentra unicamente su otturatore e giunto a snodo. L'inerzia fa arretrare l'otturatore costringendo lo snodo a sollevarsi sempre di più e a piegarsi su se stesso. Sollevandosi, il braccio posteriore comprime maggiormente la molla tramite il gancio già visto; quando il .braccio ha raggiunto la verticale, una flangia sulla sua superficie dorsale urta contro una superficie d'arresto del fusto e blocca il movimento dell'otturatore e dello snodo. La molla di rinculo fa ora pressione sul gancio e di conseguenza sul braccio po· steriore; il ginocchiello si ridi stende abbassandosi, mentre l'otturatore ritorna in avanti, sfila una cartuccia dal carica­tore e la mette in camera mentre il giunto riprende la sua struttura rigida. Appena quest'ultimo ha raggiunto la sua posizione finale, in modo che il dispositivo blocca·snodo si impegni con le sue tacche nel fusto e la canna col suo pro­lungamento sia ritornata in batteria, l'arma è pronta per sparare il colpo successivo.

Il meccanismo di sparo della Parabellum è un'altra singo­larità mai imitata su altre pistole, e rappresenta forse la peggiore caratteristica del modello dal punto di vista del tiro, anche se da quello meccanico sembra una buona solu­zione. L'arma è a percussore lanciato, che viene portato internamente all'otturatore con la sua molla e con un ritegno a baionetta per tenerlo in sede. Il dispositivo d'azionamento del percussore sporge lateralmente dall'otturatore, in modo da impegnare il dente di scatto che si trova nel fianco del 

prolungamento canna, ed è trattenuto da un perno verticale che consente al dente d'arresto di oscillare lateralmente. Il problema consiste ora nel trasmettere una spinta avanti e indietro del grilletto con una pressione laterale: così l'estre­mità posteriore del dente d'arresto impegna l'azione del percussore, mentre l'otturatore ritorna in posizione compri­mendone la molla di chiusura. Per sganciare lo scatto, l'estre­mità anteriore del dente d'arresto deve essere spinta all'in­terno, sganciando quella posteriore dall'azionamento.

Per mutare la direzione dello sforzo dal grilletto al dente, si adopera una manovella facente capo a una piastrina di copertura, che è incastrata nel fusto a coda di rondine. L'asse della manovella è parallelo con quello della canna e la parte inferiore della manovella stessa fa presa in un recesso rica­vato nella parte superiore frontale del grilletto. Perciò quan­do quest'ultimo viene premuto e mosso sul suo asse, l'estre­mità anteriore si abbassa portando con sé la parte finale della manovella. Questa gira e l'estremità superiore del brac­cio più in alto avanza e preme la parte anteriore del dente, facendolo oscillare e sganciandone l'estremità posteriore dal ritegno del percussore. Nonostante l'apparenza, il sistema presenta due grossi difetti: il primo è costituito dalle troppe trasmissioni che rendono il grilletto « strisciante» e impre­ciso, il che è inviso ai tiratori. Il secondo è dato dal mon­taggio della manovella che deve essere fatto con precisione per ogni arma, per cui la piastrina di copertura porta il numero di serie della pistola. Generalmente si tratta di parti eseguite con tanta accuratezza da permetterne l'intercambia­bilità da esemplare a esemplare, ma a volte ciò non avviene e l'arma fa cilecca. Bisogna anche notare che i tentativi di limare o piegare la manovella si concludono inevitabilmente in maniera disastrosa.

Il sistema di sicurezza usato nella Parabellum è di una semplicità estrema. Quando la sicura è in posizione, essa spinge una piastrina d'acciaio fuori da un recesso nel fusto e copre la parte posteriore del dente d'arresto, incastrandolo saldamente al ritegno del percussore. Così il movimento del grilletto potrà muovere la manovella e fare pressione sul­l'estremità anteriore del dente nel modo convenzionale ma, poiché l'estremità posteriore dello stesso è ora bloccata, l'oscillazione non può avvenire e il dente d'arresto non può disimpegnarsi. Inoltre, se il percussore è in avanti e la leva è sulla sicura, il giunto a ginocchio non può essere aperto; ciò si deve al fatto che come il giunto viene aperto, il per­cussore si porta indietro dopo il dente, spingendo lo esterna­mente contro una molla. Bloccando il dente d'arresto con la leva di sicurezza si vuole impedire questo movimento.

La sicurezza nell'impugnatura fa uno strano contrasto con il disegno elegante del resto dell'arma, in quanto si tratta di un semplice pezzo in metallo curvo che sporge dal retro del calcio a un punto tale che deve essere abbassato quando s'impugna la pistola per lo sparo. Quando è sollevato, esso è tenuto da una molla in modo che una sporgenza a forma di gancio nella parte superiore (nascosta dalla guancetta in legno) impedisce il movimento del dente d'arresto.

Il caricatore della Parabellum è un tipo monofilare da 7 colpi inserito nel calcio dove è tenuto da un fermo a molla. Sul lato destro vi è una feritoia in cui scorre un bottone zigrinato fissato alla piattaforma dell'elevatore. Caricando il serbatoio, questo può essere mantenuto abbassato, sia con il pollice sia con l'apposito strumento fornito con l'arma (e generalmente tenuto in una tasca della patta della fondina) per alleggerire la pressione' della molla e facilitare quindi l'operazione di inserimento delle cartucce. Il fondello è costr­tuito da un tassello in legno, sagomato in modo da permet­tere la presa a due dita per sfilarIo, e consente un'immediata identificazione del serbatoio.

L'estrazione e l'espulsione sono effettuate dall'estrattore, un pesante braccio a molla nella superficie dorsale dell'ottu­ratore, che è visibilmente sollevato quando una cartuccia è in camera, e da un espulsore, costituito da una leggera molla d'acciaio fissata al prolungamento canna sul lato sinistro, che entra in funzione al momento dell'arretramento dell'ot­turatore. L'estrattore estrae il bossolo dalla camera c, ",en­tre l'otturatore arretra, consente all'espulsore di introdursi e colpire il bossolo stesso, allontanandolo dall'apertura di cari­camento. Mentre l'otturatore ritorna in sede per effettuare il ricaricamento, l'espulsore viene spinto nuovamente nel prolungamento canna e l'estrattore aggancia il fondello della nuova cartuccia non appena è camerata.

Smontare la Parabellum è notevolmente facile: dopo aver scaricato l'arma, sfilato il caricatore e premuto il grilletto, si preme la volata contro la pressione della molla di recu­pero per circa 6 mm., sia con le mani sia appoggiando l'arma contro una superficie dura come un tavolo. All'estremità anteriore del fusto, sotto la camera, vi è un chiavistello di smontaggio con testa zigrinata. Ruotandolo di 90" (in basso e in avanti finché sia verticale), la piastrina di copertura e la manovella si liberano e possono essere smontate; l'intera canna, prolungamento e ginocchiello potranno quindi essere sfilati in avanti in un sol pezzo, poiché il gancio che sporge al di sotto del braccio posteriore dello snodo si disimpegna dalla molla di recupero avanzando.

Una volta rimosso il complesso della canna, rimane esposto il perno del braccio posteriore dello snodo; tirando legger­mente in alto lo snodo per alleggerire la pressione, il perno può essere estratto da un lato e tutto il ginocchiello e l'ottu­ratore possono essere separati dal prolungamento canna. Con l'aiuto di un piccolo cacciavite, o dall'estremità sottile del­l'attrezzo apposito per facilitare il caricamento del sel1batoio, il fermo a baionetta nella parte posteriore dell'otturatore potrà essere abbassato e ruotato di mezzo giro sganciandolo e permettendo al percussore con molla di essere rimosso. Non è consigliabile tentare la scomposizione degli elementi del giunto a snodo e dell'otturatore.

Le guancette possono essere tolte svitando le due viti che le tengono in sede, quindi viene messo in evidenza il funzio­namento della sicura manuale e di quella nell'impugnatura. Il grilletto può essere sollevato con molta cura dal suo perno, facendo attenzione che non vada perduta la sua molla di ritorno.

Per la ricomposizione ,si segue il procedimento inverso.

Quando l'otturatore è arretrato nel prolungamento canna è necessario tenere abbassata l'estremità anteriore del dente d'arresto per consentire al percussore di passare e a sua volta far distendere il giunto in modo da poter re inserire il relativo perno. Al momento in cui il complesso della canna viene rimontato sul fusto, è consigliabile tener capovolti gli elementi affinché il gancio della molla di recupero non s'im­pigli nel fusto stesso. Una volta che il complesso di cui sopra è ritornato a posto, si rimette dritta la pistola e il gancio cadrà impegnando automaticamente la staffa all'estremità superiore della molla di recupero.

La precedente descrizione ha reso evidente che l'efficienza e la robustezza del sistema Luger dipende dalla precisione della lavorazione e dall'accurato montaggio dei vari compo­nenti del giunto a snodo e dell'otturatore e dei perni che li tengono insieme. Inoltre l'altro requisito è costituito dall'otti­mo materiale impiegato. È questa la ragione per cui il siste­ma Borchardt-Luger non ha trovato imitatori nel mondo dei costruttori. Neppure gli spagnoli, nella loro produzione ante­guerra di copie di armi celebri a buon mercato, hanno mai tentato di vendere un'imitazione della Parabellum, anche se è certo che l'avrebbero fatto qualora si fosse presentata la possibilità di trame profitto.

LUGER PARABELLUM CARABINA 1902 E 1903

Il Modello 1900 fu seguito da quello 1902, a esso quasi identico se non per la canna alquanto più grossa. Nel 1903 apparve il primo Modello «Carabina ", costituito da una versione a canna lunga (300 mm.) del tipo 1900 con sottocanna in legno e calciolo applicato all'impugnatura. Questo calciolo è di forma simile a quello di un fucile e non al più comune cal­ciolo fondina usato per trasformare le pistole normali in carabine. La molla di recupero è più robusta che nel modello a canna corta e fu adottata una cartuccia speciale con una polvere a grana più grossa per ottenere le prestazioni deside­rate in una canna più lunga. Un numero limitato di queste carabine fu costruito nell'allora calibro sperimentale 9 mm. Parabellum (tutte le Parabellum fino allora prodotte avevano il calibro 7,65 mm.) su speciale ordinazione. La cartuccia è stata identificata con certezza (un colpo normale di maggior calibro con un propellente più pesante), ma l'arma è oggi rara a vedersi.

LUGER PARABELLUM 1904

Nel 1904 per Georg Luger era molto difficile vendere le sue pistole alle autorità tedesche e aveva incontrato qualche resistenza a causa del piccolo calibro 7,65 e del conseguente limitato potere d'arresto. Per ovviare a questo inconveniente, in collaborazione con gli esperti in munizioni della DWM egli ridisegnò la cartuccia, abolendo la strozzatura a collo di bottiglia, e inserì una pallottola calibro 9 mm. Usando lo stesso tipo di pallottola tronco-conica che aveva studiato per la 7,65 mm., Luger produsse quindi una pistola che vi. si adattasse. Si trattava del Modello 1904 adottato dalla Manna Germanica ed era molto simile al tipo 1900 (eccetto che nel calibro maggiorato di 9 mm.), ma con canna da 152 mm. e alzo a due tacche; era anche dotato di fondina-calciolo appli­cabile a un'aletta portata sul retro del calcio.

Nel 1904-1905 Luger apportò qualche variazione al modello sulla base dell'esperienza pratica e delle relazioni di coloro che l'avevano acquistata nei precedenti quattro anni, e tra sformò il modello in quella che doveva essere sostanzial­mente la sua forma definitiva.

Il cambiamento più importante fu l'adozione di una molla a spirale invece di quella a lamina dei precedenti modelli. Ciò portava a una produzione più semplice e a un montaggio più facile. Un braccio articolato centrale passava attraverso la molla e agiva da collegamento con il gancio del braccio posteriore nel giunto a snodo. La superficie superiore della molla poggiava su una spalla nella sezione calcio del fusto e il funzionamento era il seguente: il rinculo sollevava il braccio dello snodo, comprimendo la molla dal fondo. Un'al­tra modifica fu apportata nel profilo dell'otturatore; tutti i primi modelli hanno il dorso piatto, ma quelli successivi presentano una superficie arrotondata. Infine, il blocca-snodo è abolito e lo snodo in parola può essere piegato sollevandolo, invece di farlo prima retrocedere.

LUGER PARABELLUM MOD. 1906

Tutte queste modifiche furono incorporate nel Modello 1906, di tipo commerciale. Esso fu prodotto in cal. 7,65 mm. con canna da 121 mm. o in 9 mm. con canna da 102 mm. Sprov­visto di aletta per il calciolo, manteneva però la sicurezza nell'impugnatura. La leva di sicurezza differiva dai tipi pre­cedenti perché la posizione S era in basso, pur lasciando invariato il suo funzionamento sul dente d'arresto. Un'altra innovazione fu l'avviso di arma scarica, cioè un dispositivo che bloccava l'otturatore in posizione aperta una volta sparata l'ultima cartuccia del caricatore. Fu prodotto anche in cal. 9, con aletta per il calciolo e alzo a due tacche, un Modello Navale 1906; talvolta chiamato Modello Navale-Com­merciale, era semplicemente il Modello Navale con marchi di prova civili. Il Modello Navale aveva sempre canna da 152 mm., quello Navale-Commerciale poteva essere in cal. 7,65 oppure 9 mm.

LUGER PARABELLUM MOD. P08

Costruttrice: diverse Società Modello: P08

Calibro: 9 mm. Parabellum

Funzionamento: rinculo utilizzato, percussore lanciato

Sicurezza: leva manuale sulla sinistra posteriore del fusto

Caricatore: serbatoio amovibile monofilare nell'impugnatura

Posizione del fermo: parte anteriore sinistra del calcio

Capacità caricatore: 8 colpi

Mirino: lama registrabile

Alzo: tacca di mira fissa a V

Lunghezza totale: 223 mm.

Lunghezza canna: 102 mm.

Numero righe: 8

Direzione rigatura: destrorsa

Peso scarica: 0,85 kg.

Contrassegni: vedi testo

Nel 1908 fu prodotto un modello commerciale con una canna da 102 mm. cal. 9 con poche differenze rispetto al Modello 1906, ma che fu oscurato dall'adozione ufficiale dell'arma da parte dell'Esercito germanico che portò alla diffusione della denominazione «Pistole '08 ». Questo è il tipo più comune­mente incontrato al giorno d'oggi e fu prodotto per l'Esercito germanico in circa 3 milioni di esemplari (Seconda Guerra Mondiale compresa), gran parte dei quali rimase come « sou­venir» o residuato bellico dopo il 1945. Vi furono tre versioni della P08, la prima delle quali fu quella prodotta dalla DWM di Karlsruhe. Queste portano inciso l'anno di fabbricazione sulla camera di scoppio, il monogramma DWM sul braccio anteriore dello snodo, sono prive della sicurezza nell'impu­gnatura, ma provviste di aletta per il calciolo, hanno l'avviso di arma scarica e la posizione di sicura in basso. La seconda versione è quella prodotta dalla Koniglich Gewehrfabrik (Ar­senale Governativo Germanico) di Erfurt e porta l'anno di produzione sulla camera come quelle della DWM, una corona e la parola ERFURT incise sullo snodo; è priva di sicurezza nell'impugnatura, di avviso di arma scarica e di aletta per il calciolo.

Per quanto è possibile sapere, dopo il 1917 non furono prodotte Luger a Erfurt e quelle con data anteriore al 1915 sono estremamente rare. Un tipo ancora più difficile da tro­vare è l'Erfurt senza avviso di arma scarica e aletta per il calcio, ma costruito dalla DWM e datato 1914.

La terza variante della P08 è il Modello Bulgaro, simile al DWM ma contrassegnato dal Leone Reale Bulgaro, il cui stemma è inciso sulla camera, e dalla iscrizione Sicurezza e Carica in caratteri cirillici invece delle parole tedesche GESICHERT e GELADEN. Tale pistola fu l'arma d'ordinanza bulgara distribuita tra il 1910 e il 1912. Sebbene non esistano cifre precise, pare ne siano state prodotte tre o quattromila; in ogni caso, oggi sono rarissime.

Per quanto riguarda la meccanica, il Modello 1908 è iden­tico a quello del 1906 tranne per l'inversione della posizione di sicurezza; ha la stessa molla di recupero a spirale ed è sprovvisto del blocca-snodo.

LUGER PARABELLUM MOD. 1908 NAVALE

Il 1908 vide anche l'adozione di un Modello Navale che si distingueva da - quello dell'Esercito per avere una canna più lunga da 140 mm. invece che da 102 mm. La parte superiore della camera porta incisa la corona imperiale e la M (Mari­na); sul ginocchiello vi è il monogramma DWM. Questo tipo è provvisto di siCurezza nell'impugnatura, di posizione di sicurezza superiore, e di un alzo graduato a 100 e a 200 m. fissato al braccio posteriore del ginocchiello.

Nel 1914 il Modello Navale fu leggermente cambiato por­tando l'anno di costruzione sopra la camera come in quello dell'Esercito; lo stesso anno vide anche la modifica al con­torno del dente d'arresto.

LUGER PARABELLUM MOD. 1917

Nel 1917 apparve il Modello «Artiglieria" a canna lunga e sembra sia stato distribuito nell'agosto o nel settembre 1917; fu il primo esemplare caduto in mano agli Alleati durante un attacco a una trincea nel settore di Loos, appunto in settem­bre. La pistola è identica alla '08 eccetto che- nellà canna .da 192 mm. e nell'alzo graduato fino a 800 m. sulla canna proprio dinanzi alla camera. In origine era dotata di un caricatore normale, ma già nel 1911 un caricatore curvo a « chiocciola" era stato realizzato da Tatarek e von Benko, cosicché ai primi del 1918 questo fu distribuito con il Modello 1917, insieme a un attrezzo per il caricamento. Il caricatore, unitamente al calcio-fondina, trasformò l'arma in una specie di carabina semiautomatica, che venne largamente fornita ai sottufficiali dei reparti mitraglieri, ai gruppi osservatori d'ar­tiglieria e alle truppe d'assalto prima dell'avvento del mo­schetto automatico Bergmann. Queste pistole furono anche adoperate dagli equipaggi delle moto siluranti che talvolta si avvicinavano talmente ai loro avversari da dover sparare con queste armi.

Il caricatore «a chiocciola" era (ed è ancora) difficile a caricarsi e impossibile senza l'apposito strumento; si scoprì ben presto che la pallottola conica del tipo originale ne pro­vocava l'inceppamento del funzionamento. Ne derivò che !'intera produzione tedesca delle 9 mm. Parabellum nel 1918 fu convertita per la pallottola arrotondata di tipo più con­venzionale, portando così all'estinguersi del tipo a testa tron­co-conica.

Sebbene quest'arma sia stata prodotta soltanto dall'estate 1917 al novembre 1918, si trova spesso con la data 1914 incisa sulla camera. La ragione di quest'apparente anomalia è che negli ultimi tempi della guerra stava aumentando la produ­zione, rimettendo in efficienza i primi modelli di pistole con l'aggiunta della canna lunga e dell'alzo.

Poiché la canna della Parabellum va avvitata, il cambia­mento lascia la camera al suo posto, per cui è logico supporre che la data rimanesse invariata. Un altro particolare riguar­dante questo modello sta nel fatto che fu costruito esclusi­vamente dalla DWM, mai ad Erfurt; qualsiasi Modello 1917 con l'indicazione Erfurt è senza dubbio un'arma da « mercato nero" fatta con parti di ricambio di varia provenienza.

DOPO LA PRIMA GUERRA MONDIALE

Terminata la guerra, una quantità di queste armi giunse sul mercato e, dato che i pezzi originali erano contrassegnati in tutte le loro parti, fu presto chiaro che ogni Parabellum con numeri diversi era una realizzazione postbellica. Tuttavia, un certo quantitativo di questa produzione fu in effetti «ufficia­le", in quanto la DWM nel 1920 costruì un gran numero di pistole basate sul Modello '08 e ricavate da residuati o parti rimesse in efficienza che aveva a disposizione. In conformità al Trattato di Versailles, le canne ancora nuove furono adat­tate per il cal. 7,65, pur essendo esternamente delle stesse dimensioni delle P08 da 9 mm. Questi esemplari erano carat­terizzati da finitura piuttosto grossolana (rispetto a quella anteguerra e a quella successiva) da guancette di legno dolce, non presentavano alcuna data o altri marchi sulla camera, ed erano senza il contrassegno DWM sul ginocchiello. Per quanto è possibile sapere, essi non furono mai costruiti con ginoc­chielli della Erfurt. Oltre alle pistole, furono prodotte alcune carabine con canne da 300 mm. che si distinguono con faci­lità dalle precedenti per la mancanza del blocca-snodo.

Gli anni venti portarono'a qualche notevole variazione della Parabellum. In primo luogo nel 1922 vi fu una versione della '08 sia nel cal. 9 mm. sia in quello 7,65 mm. prodotta dalla Simson di SuhI. Si trattava di un modello da esporta­zione costruito su licenza dalla DWM, contrassegnato dal nome della ditta sulla camera o sul ginocchiello. Poco tempo dopo anche la DWM riprese la produzione delle nuove pistole in varie versioni; nei calibri 9 mm. e 7,65 mm., esse avevano canne lunghe da 92 mm. '" 406 mm., a seconda della richiesta del cliente, e portavano per la prima volta il nome Luger. All'inizio erano conosciute in Europa come «Parabellum" (nome in codice telegrafico escogitato dalla DWM); nell'E­sercito tedesco erano note come Parabellum o, se necessario, come '08 o '17 (denominazionè ufficiale riconosciuta ancor oggi in Germania). Tali armi furono anche chiamate « Luger­Parabellum ", forse per distinguerle dalla Borchardt; gli inglesi, e particolarmente gli americani, le chiamarono sem­plicemente Luger. Molti esemplari del Modello 1923 furono importati negli Stati Uniti dalla A.G. Stoeger & Co di New York e, allo scopo di far fruttare la celebrità che l'arma aveva raggiunto tra i reduci statunitensi, essa ebbe la brillante idea di depositare il marchio « Luger".

Nelle pistole esportate negli Stati Uniti· fu inoltre aggiunto il nome dell'importatore, sicché sulla destra del fusto appar­ve la scritta LUGER A.P. STOEGER. Il nome venne così riconosciuto ufficialmente nel mondo anglosassone e tuttora l'arma è chiamata Luger o indifferentemente Parabellum. È interessante rilevare che la Società Stoeger ha recente­mente messo sul mercato una copia della P08 con il nome Luger adottato legalmente, anche se non si tratta più di un prodotto della fabbrica originale e mostra diverse piccole modifiche allo scopo di facilitarne la moderna produzione. Nel 1924 apparvero altre due variazioni. Il governo svizzero era sempre stato un buon cliente delle pistole Luger, arman­do esercito e polizia con il tipo 7,65.

Ora iniziò a produrre direttamente l'arma con canna da 121 mm., essenzialmente la stessa del suo Modello originale 1906, con l'incisione WAFFENF ABRIK BERN sulla camera.

Contemporaneamente, il governo olandese necessitava di una fornitura di P08 cal. 9. che furono prodotte dalla Casa inglese Vickers. Queste consistevano in una copia esatta della DWM '08, tranne che per la mancanza dell'aletta per il calciolo e le parole VICKERS LTD. sul ginocchiello e i mar­chi di prova di Birmingham incisi sulla canna. Esse erano anche contrassegnate dalla cifra reale olandese (una W) sulla sinistra. Non vi era sicurezza nel calcio e la posizione di sicura della leva era in basso. Furono fornite agli olandesi 9.000 di queste pistole, molte delle quali furono inviate nelle Indie Olandesi diventando di conseguenza assai comuni nel Pacifico.

Non è comunque possibile sapere con esattezza se queste armi siano state prodotte dalla Vickers in Inghilterra o fab­bricate a Karlsruhe e inviate in Gran Bretagna a pezzi per le ultime rifiniture e per il montaggio; si tratta ad ogni modo di esemplari di ottima costruzione, paragonabili a quelli pre-bellici.

Quando nel 1934 ebbe inizio il riarmo della Germania, la DWM non era in condizione di far fronte al grosso quantita­tivo di armi richiesto e la Mauser fu invitata a partecipare allo sforzo. Alla fine fu proprio questa ditta a sostenere tutto il peso dell'intera produzione della P08, provvedendo a co­struire il tipo militare caI. 9 e quello commerciale da 7,65; l'unica differenza (calibro a parte) è data dall'anno di fab­bricazione portato sulla camera degli esemplari militari.

Contemporaneamente un'altra ditta, la Krieghoff di Suhl, si affiancò nella produzione seguendo gli stessi criteri; le pistole prodotte da quest'ultima differivano dalle P08 Mauser per le parole KRIEGHOFF SUHL incise sul ginocchiello o HEINRICH KRIEGHOFF WAFFENFABRIK SUHL sulla ca­mera, nel caso di armi commerciali, mentre quelle militari hanno la data sulla camera e KRIEGHOFF SUHL sopra il ginocchiello.

Tutti i Modelli 1934, indipendentemente dalla fabbricazione, portano la scritta P08 incisa sulla sinistra del prolungamento canna.

Una piccola modifica successiva al 1934 fu la razionalizza­zione del caricatore; i primi modelli avevano il fondello tagliato parallelamente all'asse dell'arma e il tassello di legno a esso adattato. Dopo il 1934 il fondello è invece ad angolo retto con il bordo frontale del serbatoio e il tassello sagomato in conseguenza.

Il tipo Krieghoff fu di breve durata. Una volta riarmata la Wehrmacht, la produzione spettò interamente alla Mauser. Ma nel 1938 il controspionaggio aveva ripreso forza e l'inci­sione del nome del costruttore sull'arma fu proibita; la provenienza della pistola fu invece indicata da un cifrario.

Così «byf" indicò la produzione Mauser, come pure una « S ", e l'anno di fabbricazione non apparve più sulla camera. Fu quindi instaurata la consuetudine di incidere il codice di fabbrica e le ultime due cifre dell'anno di produzione sul braccio anteriore del ginocchiello. La Mauser ebbe tuttavia, 

fino al 1943, il permesso di fornire armi a paesi neutrali; queste armi continuarono a portare lo stemma della Casa.

Nel 1938, dopo un concorso per una pistola più semplice da prodursi in grande serie, l'Esercito tedesco adottò come arma d'ordinanza la Walther P38, e una volta avviata la produzione la Parabellum si ritirò. Per un breve periodo la produzione delle due pistole proseguì parallelamente, ma nel 1943 l'ulti­ma Parabellum fu fabbricata dalla Mauser e la lunga storia dell'arma cessò; è stata ripresa solo recentemente per la gioia degli appassionati. Prima di riassumere le caratteri­stiche di base delle Parabellum straniere, occorre fare un accenno ai numeri di serie. Alcuni anni fa fu commesso un delitto negli Stati Uniti; nel corso delle indagini per racco­gliere elementi necessari alle polizie straniere, via Interpol, per rintracciare l'assassino, si rilevò il numero di serie del­l'arma, una Luger. Uno scrupoloso poliziotto britannico, con­trollando il suo archivio, trovò che il numero si riferiva all'arma di un suo concittadino, il quale fu naturalmente molto sorpreso di essere visitato dalla polizia per chiarimenti. Il fatto è che moltissime pistole, specie quelle costruite durante la guerra, possono portare numeri identici. Infatti il numero delle Parabellum prodotte era così elevato che alla fine si sarebbe dovuto riprogettare l'arma per trovare lo spazio dove riportare le cifre divenute astronomiche. Di con­seguenza si decise di iniziare il primo del mese con «1,. e continuare sino all'ultimo giorno. Si riprendeva poi da «1,. all'inizio del mese successivo. Per distinguere i mesi si incideva una lettera sotto la canna (<< a» per gennaio, ad esempio). Unitamente all'anno di produzione inciso sui tipi militari per intero, nascosto e in codice sui modelli civili, e con il marchio del fabbricante, questo dava una distinta identità all'arma, pur mantenendo basso il numero di serie che non ha mai raggiunto le cinque cifre.

Un altro strano contrassegno che talvolta può far nascere interrogativi è il piccolo numero « 8,88 » o « 8,82 » stampigliato sotto la canna presso la culatta. Come molti lettori italiani sapranno, si tratta del calibro reale della 9 mm. Parabellum, che a volte è comparso "anche in pubblicazioni ufficiali del­l'Esercito italiano.

MODELLI STRANIERI DELLA LUGER PARABELLUM

Oltre alle pistole prodotte per uso nazionale e per l'esportazione si ebbero anche armi costruite appositamente per molti paesi esteri. Sebbene si tratti di modelli analoghi a quelli originali, essi sono spesso indicati come varianti a sé della Parabellum. Qui di seguito un elenco dei tipi costruiti su commessa sia quelli prodotti su licenza.

Anno
Paese
Calibro

Lunghezza

canna mm.

Contrassegni
1900

Svizzera

Militare

7,65
120 Croce svizzera sulla camera
1900
Bulgaria
7,65
120 Leone bulgaro sulla camera
1906 Svizzera militare 7,65 120 Croce Svizzera sulla camera
1906 svizzera ( polizia) 7,65 120 croce svizzera su scudo sulla camera
1906 portogallo 7,65 120 corona sul monogramma M2 sulla camera
1906 bulgaria 7,65 120 leone bulgaro sulla camera; indicazione di sicurezza in cirillico
1906 olanda 9 101 marchio DWM; indicazione di sicurezza RUST
1906 russia 9 101 fucili incrociati sulla camera; estrattore e indicazioni di sicurezza in cirillico
1908 turchia 9 101 marchio DWM. simboli turchi su estrattore e sicura
1908 bulgaria 9 101 marchio DWM sulla camera. Leone bulgaro sul ginocchiello.Indicazione in cirillico sulla sicura e sull'estrattore
1908 abissinia 9 101 Leone di Giuda sulla camera
1908 Persia 9 101 Leone persiano sulla camera
1908 Venezuela 9 101 Stella a 5 punte sulla camera
1908 Romania 9 101 Stemma reale romeno sulla camera, indicazioni in cirillico
1908 Svizzera militare     Convresione del modello Navale tedesco
1919 Svizzera militare 9 203 Modello 1917 convertito
1924 Svizzera militare 7,65 120 Modello 1906 fabbricato dalla Waffenfabrik Bern. Senza croce svizzera
1926 Olanda 9 101 Prod. Vickers Armostrong con la scritta VICKERS sul gionocchiello;corona olandese. W sul fusto,marchi di prova inglesi
1928 Olanda 9 101 Prod. germanica. Marchio RUST sulla sicura
1929 Svizzera 7,65 120 Prod. svizzera; croce svizzera sul gionocchiello
1940 Olanda 9 101 Mauser sul ginocchiello
1940 Portogallo 9 101 Mauser;contrassegni in portoghese
1940 Svezia 7,65 120 Mauser sul ginocchiello
1940 Lettonia 7,65 120 Mauser sul ginocchiello
1940 Svezia 9 101 Mauser sul ginocchiello
1940 Lettonia 9 101 Mauser sul ginocchiello
1943 Portogallo 9 101 Mauser sul ginocchiello. Contrassegni in portoghese.Furono le ultime pistole prodotte di una serie di 4.000