Il Brigantaggio in Italia 1862-1864

BRIGANTAGGIO: TRA LEALISMO E REPRESSIONE

 

 

Clicca sulla immagine per ingrandire
La brigantessa
Michelina De Cesare

“Costituire l’Italia, fondere insieme gli elementi diversi di cui si compone, armonizzare il Nord con il Sud, offre tante difficoltà quante una guerra contro l’Austria e la lotta con Roma”. Così scriveva Cavour poco prima della sua morte. In effetti, unificare realmente il Sud al Nord costò di fatto una guerra, il lungo conflitto (1862-64) che oppose l’esercito regolare italiano a bande di contadini ribelli che erano presenti soprattutto nell’entroterra campano, lucano e pugliese. Il brigantaggio era la spia di un fenomeno ben più profondo e complesso, che riguardava l’estraneità delle classi contadine, e quelle meridionali in particolare, al moto risorgimentale. Nei programmi delle forze politiche e nelle scelte economiche del nuovo Stato, i grandi bisogni delle masse povere delle campagne non avevano trovato alcuna risposta. Rispondere, infatti, avrebbe significato, per lo Stato, affrontare la questione della terra, cioè garantire l’accesso alla proprietà ai ceti contadini. In realtà gli uomini che avevano diretto il Risorgimento nazionale erano in prevalenza grandi proprietari fondiari, ostili per interessi e condizione sociale a promuovere quella riforma agraria che avrebbe avvicinato le masse rurali al nuovo Stato. Ai bisogni delle masse povere meridionali rimasero sostanzialmente sordi anche i democratici, tra i quali le idee del socialismo risorgimentale di Ferrari e Pisacane non avevano raccolto molte adesioni. Durante la conquista del Mezzogiorno, i dirigenti garibaldini, infatti, avevano manifestato il loro disinteresse, quando non la loro ostilità, verso le rivendicazioni dei contadini meridionali che si erano avvicinati all’esercito di liberazione con un carico rilevante di aspettative sociali. Di fronte alle proteste contadine volte a ottenere di nuovo i propri diritti d’uso sulle terre demaniali che i latifondisti avevano usurpato, di fronte all’occupazione delle terre, l’esercito garibaldino rispose con la fucilazione dei contadini insorti, come accadde a Bronte; queste azioni e queste scelte si ripercossero a fondo e lontano nella coscienza dei contadini ricacciandoli dall’iniziale adesione al moto liberale unitario in una passività fatta di rassegnazione, di sfiducia e anche di ostilità. Infatti, dopo l’editto di Garibaldi del 2 giugno 1860, le masse rurali si erano illuse che “la rivoluzione unitaria italiana” portasse con sé la tanto sospirata divisione delle terre, ma si dovettero ricredere perchè, con l’avvento di Vittorio Emanuele, i comitati liberali, composti da ricchi borghesi ferventi “unitaristi”, si impossessarono delle amministrazioni comunali e delle relative casse, misero mano ai documenti relativi al patrimonio demaniale, sul quale i contadini ed i pastori esercitavano gratuitamente gli usi civici, e lo misero all’asta. In questo modo le terre non infeudate passarono velocemente in loro possesso ed ai contadini, defraudati dei loro secolari diritti d’uso (gli usi civici), rimasero due possibilità: “o brigante o emigrante”. I briganti furono soprattutto espressione della popolazione rurale (contadini, braccianti e pastori) che si sentì defraudata dal nuovo ordine sociale; scriveva Carlo Dotto de Dauli nel 1877: “Il brigante è, nella maggior parte dei casi, un povero agricoltore e pastore di tempra meno fiacca e servile degli altri che si ribella alle ingiustizie ed ai soprusi dei potenti e, perduta ogni fiducia nella giustizia dello Stato, si getta alla campagna e cimenta la vita, anelando vendicarsi della Società che lo ridusse a quell’estremo”. Nei paesi si rinnovavano qua e là gli incendi dei municipi e degli uffici del catasto (“gli eterni nemici nostri”, li chiamava il brigante Carmine Crocco. Le carte catastali venivano distrutte in quanto simbolo della proprietà e dell’oppressione), nonché i saccheggi delle case dei “galantuomini”, noti come usurpatori delle terre demaniali; si abbattevano gli stemmi sabaudi e le immagini di Vittorio Emanuele e Garibaldi, s’issava il vessillo borbonico e si restauravano nuove effimere amministrazioni che rendevano obbedienza all’esiliato Francesco II, re delle Due Sicilie. I possidenti scappavano verso le zone presidiate dall’esercito piemontese e, quando i bersaglieri rioccupavano i paesi ”reazionari”, rientravano con essi; tutto finiva con la restaurazione dei simboli dei Savoia, con l’incendio dei quartieri più poveri e con la fucilazione in piazza dei briganti presi prigionieri: uomini dai volti chiusi dalle grandi barbe, da vestiti fatti di pelli. Spesso i loro cadaveri venivano lasciati insepolti per giorni, come ammonimento. Su questo tronco si innestò la politica cavouriana volta a rimuovere rapidamente ogni influenza politica dei democratici, che avevano diretto la guerra antiborbonica, ed a privilegiare l’alleanza con il ceto medio urbano, in parte favorevole all’unità d’Italia ed in parte legato ancora al vecchio ordine politico. Seguendo un principio rigidamente censitario, vennero mantenuti in numerosi gangli vitali dell’amministrazione e dell’esercito elementi legati al passato regime, senza consentire un ricambio di uomini e di metodi, allontanando ancor di più i contadini dallo Stato unitario. In questo contesto fece presa la reazione legittimista, cioè di coloro che premevano per un ritorno al potere della dinastia borbonica, alimentata dallo Stato

Clicca sulla immagine per ingrandire
Briganti catturati
dai soldati piemontesi

pontificio. La spina dorsale di questo movimento era rappresentata dal clero, capillarmente diffuso nel territorio, a cui si aggiungevano funzionari pubblici, impiegati e militari, che erano vissuti all’ombra del passato regime. Essa puntava sul malcontento contadino, accresciuto da alcune disposizioni del nuovo Stato, come la leva obbligatoria, e dal dissesto che la guerre di conquista ed il disfacimento delle strutture del Regno delle due Sicilie avevano determinato nell’economia meridionale. L’agire concentrico di questi fenomeni determinò una tumultuosa sollevazione del Mezzogiorno rurale che si manifestò nella forma del brigantaggio. Armati di schioppo, migliaia di braccianti e contadini presero la via delle montagne organizzati nella forma tradizionale utilizzata per secoli dai poveri per ribellarsi ai ricchi ed ai potenti: la grande banda di briganti, che calava nei borghi e nei campi saccheggiando ed uccidendo. Alcuni capibanda erano stati garibaldini ed avevano appoggiato l’impresa dei Mille: ora combattevano contro i Savoia, contro i “piemuntisi”, come venivano chiamati nel dialetto locale i funzionari del nuovo Stato. Il brigantaggio era una forma di protesta e di rivolta proprio contro i governanti di allora. Accorsero ad ingrossarne le file, oltre agli sbandati del disciolto esercito borbonico, evasi dal carcere renitenti alla leva, sacerdoti apostati, contadini che, in mancanza di sufficiente reddito dalla campagna, trovavano il brigantaggio più remunerativo, avventizi, ossia contadini che lasciavano occasionalmente il lavoro dei campi per farvi ritorno ad impresa banditesca compiuta. Inoltre alcuni rappresentanti della nobiltà lealista europea accorsero dal re in esilio (“per il trono e l’altare, per la fede e la gloria”), e già durante l’assedio di Gaeta si erano visti francesi, belgi, austriaci, sassoni ed anche qualche americano; il loro contributo fu, però, marginale poiché i briganti, contadini e pastori in massima parte, non avevano una “cultura militare” tale da accettare le direttive di quei soldati stranieri che non riuscirono ad inquadrarli in formazioni paramilitari né tanto meno a coordinarne le azioni sotto un comando unico; ben noto è il contrasto tra il brigante Carmine Crocco e lo spagnolo Borges che, anche per questo motivo, abbandonò la partita, cercò di raggiungere Roma, ma fu preso dai Piemontesi a pochi chilometri dal confine e fucilato a Tagliacozzo l’8 dicembre del 1861. Le bande erano organizzate in piccoli gruppi con un capo, che si imponeva per prestigio personale e per ferocia. Avevano la loro stabile sede sui monti, in boschi fitti. Il capo distribuiva una paga. Vestivano con panno nero, con cappelli a larghe tese ornati di nastri rossi, mantelli di lana. Le varie bande comunicavano tra loro con colonne di fumo durante il giorno o con falò e lampade nella notte. I messaggi venivano trasmessi con speciali accorgimenti come stracci esposti alle finestre, colpi di fucile intermittenti, imitazione di richiami di uccelli. Si circondavano di sentinelle e vedette, che davano l’allarme con fucilate, fischi, squilli di tromba, rumori vari. Quando l’esercito, inviato per sgominare le bande, faceva il rastrellamento che durava più giorni, i briganti si spostavano continuamente e non accendevano i fuochi di notte. Era, quindi, una vita dura, che richiedeva pernottamenti all’addiaccio, veglie, fame, marce forzate, scontri sanguinosi d’estate e d’inverno. I feriti venivano raccolti sul terreno per evitare delazioni, quelli più gravi e intrasportabili venivano uccisi e poi cremati per renderli irriconoscibili. Le bande a cavallo avevano grande mobilità e potevano percorrere circa 50 miglia in una sola notte, per cui le guardie nazionali ben poco potevano contro di loro. Praticavano contro le forze regolari la guerriglia ed avevano sempre previste vie di ritirata nei boschi e verso i monti in caso di rovescio. In quest’ultimo caso abbandonavano sul terreno l’equipaggiamento pesante per avere maggiore scioltezza nella fuga. Capitanati da ex braccianti, disertori, ex soldati borbonici e garibaldini, decine di migliaia di ribelli si diedero alla macchia rifugiandosi nelle zone montuose più impervie e inaccessibili per dare inizio a una guerriglia condotta su un duplice fronte, quello delle incursioni per razziare e depredare i ricchi proprietari terrieri, e quello sul piano squisitamente militare contro l’esercito piemontese. Il brigantaggio era il sintomo di una frattura profonda tra Nord e Sud, tra la grande massa dei contadini poveri del Mezzogiorno e lo Stato unitario: nella compagine del nuovo regno si delineavano drammaticamente i contorni di due Italie, destinate a comunicare tra loro in maniera discontinua ed incerta. Il risultato di questa distanza ed incomunicabilità tra nuovo governo e governati fu una vera e propria guerra civile che imperversò per cinque anni. La popolazione, ostile ai nuovi governanti “piemontesi”, proteggeva i briganti, ritenuti uomini vendicatori di ingiustizie e repressioni, di cui si riteneva vittima. I briganti, ovviamente, godevano dell’incondizionata simpatia delle masse rurali che li identificavano alla stregua di veri e propri eroi, una specie di ottocenteschi Robin Hood paladini di una Dea Giustizia che brandiva la spada contro i soprusi dei ricchi ed il pericolo costituito dalle autoritarie imposizioni del nuovo padrone, il Regno d’Italia. Forti degli appoggi tangibili forniti dalla corrente reazionaria borbonica e, a volte, addirittura da quegli stessi proprietari terrieri che essi depredavano, ma che avevano accolto con

Clicca sulla immagine per ingrandire
Briganti passati per le armi

sospetto l’arrivo della dominazione sabauda, i fuorilegge potevano contare anche sull’aiuto della Chiesa, che non aveva digerito la mozione del primo Parlamento italiano nella seduta del 27 marzo 1861 tenutasi nel salone di Palazzo Carignano a Torino, in cui fu presa la decisione di dichiarare Roma futura capitale del Regno, mentre la città era ancora saldamente nelle mani di Papa Pio IX, fermamente intenzionato a non rinunciare al potere temporale sui territori dello Stato Pontificio. In virtù di quella ufficiosa connivenza i briganti potevano trovare riparo nei conventi e sfuggire alla cattura nel caso in cui la loro sortita contro le truppe regolari si fosse risolta in un frettoloso ripiegamento. Ma non solo. Una delle tante anime del brigantaggio era proprio la componente religiosa: frati e sacerdoti erano presenti in gran numero nelle schiere degli insorgenti, sebbene fossero passati per le armi in caso di cattura; i vescovi, benché spesso scacciati dalle loro sedi come avvenne all’arcivescovo di Napoli, Sisto Riario Sforza, sostennero efficacemente l’insurrezione, promulgando pastorali di tono antiunitario e ribadendo le proteste provenienti dalla Santa Sede; nel 1861 in 57 su 84 diocesi del Sud i vescovi erano impossibilitati ad esercitare le loro funzioni per l’opposizione del nuovo regime. L’invasore piemontese era considerato un nemico della religione ed il popolo ne aveva prova tangibile nelle numerose profanazioni di luoghi sacri effettuate dai soldati piemontesi, inoltre, il loro re, Vittorio Emanuele, era stato scomunicato da papa Pio IX (solo tra il febbraio ed il marzo del 1868 fu firmata a Cassino una convenzione tra lo Stato della Chiesa ed il Regno d’Italia per l’estradizione dei briganti rifugiatisi nello stato pontificio). Sottolinea, inoltre, De Jaco che “i briganti erano religiosissimi, avevano dei cappellani nelle bande e dei santi protettori per le bandiere (in generale i santi del loro paese di origine),… si ornavano il collo ed i polsi di amuleti, di madonne, di corone, ostie consacrate, santini, la sera recitavano in comune il rosario”. Spesso, prima della morte, invocavano la Madonna, a loro molto cara, come pure fece, sulla sponda opposta, il milite della guardia nazionale Vitantonio Donateo che, per questo, ebbe salva la vita. Non meno importante fu la “resistenza non armata”, la resistenza civile, bollata come “reazionaria”, che si presentò con forme molto articolate e coinvolse tutta la società meridionale del tempo: l’opposizione condotta a livello parlamentare, le proteste della Magistratura, che subì nei sui membri più prestigiosi delle vere e proprie epurazioni e vide cancellate le sue gloriose e secolari tradizioni giuridiche; la resistenza passiva dei dipendenti pubblici, il malcontento della popolazione cittadina, l’astensione dai suffragi elettorali (già il 19 maggio del 1861, in occasione delle elezioni amministrative, votò a Napoli meno di un terzo degli aventi diritto), il rifiuto della coscrizione obbligatoria, la diffusione della stampa clandestina e la polemica condotta dai migliori pubblicisti del regno, fra cui emerse Giacinto de’ Sivo. Le numerose pubblicazioni antiunitarie avevano generalmente vita breve perché erano sottoposte a sequestro ed i loro autori a minacce fisiche o al carcere, segno evidente che la “libertà di stampa”, sancita dallo Statuto Albertino, non valeva per la stampa di opposizione, ma solo per quella di regime; i redattori di questi giornali passavano di rivista in rivista, a mano a mano che queste chiudevano per forza maggiore, diventando professionisti di un giornalismo militante, semiclandestino e quasi avventuroso. Un aspetto interessante del fenomeno del brigantaggio è quello connesso alla realtà femminile. Lo studioso Valentino Romano ha raccolto numerose testimonianze che riguardano il dramma delle brigantesse. “Dramma della rottura dell’equilibrio familiare, dramma di madri senza più figli, di ragazze orfane dei genitori, di vedove: è dramma di donne disperate che, ribaltando un ruolo stereotipo di rassegnazione e sudditanza, si dimostrano capaci di affiancare con coraggio i propri uomini e partecipare attivamente alla rivolta contadina. E’ difficile attribuire una data di nascita al brigantaggio femminile, ma una prima significativa figura femminile di età moderna può essere individuata in Francesca La Gamba, nata a Palmi (RC) nel 1768 e attiva nel decennio di occupazione francese (1806-1816). Francesca, filandiera di professione, madre di tre figli, divenne capobanda, spinta da un’incontenibile sete di vendetta contro i francesi che l’avevano colpita negli affetti più cari. Rimasta vedova del primo marito, dal quale aveva avuto due figli, convolò in seconde nozze. Avvenente d’aspetto ed esuberante nel carattere, attirò le mire di un ufficiale francese che, invaghitosene, tentò – forte della sua posizione sociale – di sedurla. Respinto dalla fiera Francesca il militare pensò di vendicarsi in maniera terribile. Nottetempo fece affiggere un falso manifesto di incitamento alla rivolta contro l’esercito francese di occupazione ed il mattino successivo fece arrestare i figli della donna, accusandoli di essere gli autori della bravata. Alle suppliche di Francesca, l’ufficiale fu irremovibile: i giovani subirono un

Clicca sulla immagine per ingrandire
Il generale Enrico Cialdini

processo sommario e furono fucilati. Francesca, pazza di dolore, si unì ad una banda di briganti che operava nella zona, dismise gli abiti femminili ed indossò quelli dei briganti.
In breve fornì prove di ardimento tali da divenire il capo riconosciuto della banda stessa, seminando ovunque il terrore. I francesi si accanirono nella caccia della donna, fino a quando un loro drappello cadde in un’imboscata tesa da Francesca. Tra i soldati fatti prigionieri la sorte volle che ci fosse proprio l’ufficiale suo nemico. Con una coltellata Francesca gli strappò il cuore e lo divorò ancora palpitante. Nell’orrore di questa vicenda, pure caricata di colore dal mito, possono leggersi le ragioni che hanno spesso indotto tranquille popolane meridionali a trasformarsi in Erinni vendicatrici: la prevaricazione degli occupanti, il loro disprezzo per gli affetti feriti, l’irrefrenabile ansia di vendetta suscitata nei popoli conquistati. Crollato il mondo familiare intorno al quale si è costruita a fatica una pur misera esistenza, la vendetta femminile si dimostra ancor più feroce di quella maschile. Si tratta di fenomeni tuttavia limitati che fanno da contraltare a tanti episodi di rassegnazione e di pianto: costituiscono un’eccezione, insomma, non già la regola. Appare dunque azzardato il tentativo di attribuire autonomia assoluta al brigantaggio femminile preunitario. Forse sarebbe più corretto parlare di una “questione dentro la questione”. E questo non sminuisce il ruolo delle donne nella rivolta contadina. Anzi, lo amplia e agevola la comprensione dell’intera questione delle classi subalterne meridionali. E’ comprovata invece, nelle vicende rivoluzionarie della seconda metà dell’ottocento la presenza di un considerevole numero di donne nell’organizzazione brigantesca. Chi può, infatti, legittimamente sostenere che in una banda di briganti, numerosa e perfettamente organizzata (come tante nel periodo che trattiamo), si potesse fare a meno della presenza delle donne per motivi logistici, di collegamento, di approvvigionamento e, perché no, anche per motivi affettivi? Occorre qui introdurre ed operare – semmai – un’altra distinzione che dall’ottocento ad oggi ha diviso e divide gli studiosi: la distinzione tra “la donna del brigante” e “la brigantessa”. Numerosi sono gli esempi di “ donne del brigante”, più rari – ma non meno significativi - quelli di “brigantesse”. Gli uni e gli altri concorrono però in eguale misura a definire il ruolo della donna nelle classi rurali della seconda metà dell’ottocento meridionale italiano e contribuiscono certamente all’affermazione del posto che la donna occupa nella odierna società italiana. La “donna del brigante” è colei che ha dovuto o voluto seguire il proprio uomo (spesso marito, talora amante, raramente figlio) che si è dato alla macchia. Nel primo caso, quello della costrizione, il darsi alla macchia del proprio uomo l’ha confinata in una condizione ancora più disperata. Le è venuta meno ogni forma di sostentamento: l’opinione pubblica l’ha additata con disprezzo e l’ha isolata, spesso anche per timore di sospetti di connivenza. Non le è rimasto che il mendicio ed il meretricio. Sola, senza mezzi, disprezzata dai borghesi benpensanti e dai popolani acquiescenti, controllata a vista dalle autorità governative, talvolta oggetto di attenzioni inconfessabili dei “galantuomini”, ha preferito alla fine seguire fino in fondo la scelta di vita del suo uomo. La “donna del brigante” è anche colei che viene rapita e sedotta dal bandito, ridotta in stato di schiavitù e costretta - contro il suo volere – a seguirlo nelle sue azioni brigantesche. Spesso finisce però per innamorarsene, per quella condizione psicologica che oggi è classificata come “sindrome di Stoccolma”. E’ il caso, ad esempio - sempre nel periodo di occupazione francese - di una non meglio identificata Margherita. Il brigante Bizzarro, uomo violento e sanguinario, imperversava nelle Calabrie. Costui, nel corso di una delle sue crudeli scorribande, sterminò un intera famiglia, trucidò un padre e ne rapì la figlia Margherita. Bizzarro sicuramente stuprò la donna, la rese sua schiava e la condusse con sé, in groppa al proprio cavallo, nelle imprese brigantesche alle quali dava continuamente vita. Ci si aspetterebbe che la donna fosse investita da rabbia, rancore e odio. Invece in Margherita, lentamente, l’odio verso Bizzarro si trasformò in ammirazione, il sentimento di vendetta fu sostituito dall’amore verso il boia della sua famiglia. Ne diventò la compagna ed il braccio destro e lo accompagnò nelle sue scorrerie, gareggiando con lui in audacia e coraggio. Catturata in un’imboscata, non sopravvisse a lungo ai rigori della prigione che, come vedremo più avanti non erano inferiori a quelli della latitanza. Per un beffardo gioco del destino una reazione opposta dimostrò invece – proprio nei confronti dello stesso Bizzarro – la donna che subentrò a Margherita nelle grazie del bandito: Niccolina Licciardi.

Clicca sulla immagine per ingrandire
Ribelle messo in posa
dopo la fucilazione

Un giorno erano entrambi braccati dai piemontesi. Bizzarro, in un raptus di follia omicida, sfracellò contro le pareti di una caverna il neonato avuto dalla compagna, per la sola ragione che il pianto del bimbo rischiava di rivelarne la presenza agli inseguitori. Niccolina non versò neppure una lacrima. Con le mani scavò una fossa, vi seppellì il figlioletto e si pose a guardia della tomba – anche dormendovi sopra – per evitarne lo scempio da parte degli animali selvatici che infestavano la zona. Profittando poi del sonno di Bizzarro, gli sottrasse il fucile e gli fece saltare le cervella, sparandogli in un orecchio. Decapitato il bandito, ne avvolse la testa in un panno, si diresse a casa del governatore di Catanzaro e sul suo desco lanciò il macabro trofeo. Incassata la taglia, ritornò sui monti e di lei si perse ogni traccia. Alcune volte, ed è il caso della libera scelta, “la donna del brigante “ segue volontariamente l’uomo di cui è innamorata. Tale appare la vicenda di Maria Capitanio. La ragazza, nel 1865, a quindici anni si innamorò di Agostino Luongo, un operaio delle ferrovie. Maria continuò ad amarlo e a frequentarlo di nascosto anche quando questi si dette alla macchia. Lo seguì nella latitanza, consumò le “nozze rusticane” e partecipò per pochi giorni alle azioni delittuose della banda, fungendo da vivandiera e da carceriera di un ricco possidente, tenuto in ostaggio. Catturata dopo una decina di giorni, in uno scontro a fuoco, grazie ai denari del padre, fu prosciolta dall’accusa di brigantaggio, essendo riuscita a dimostrare – attraverso false testimonianze – di essere stata costretta con la forza a seguire il brigante Luongo. Rivelatrice di contraddizioni è la vicenda di Filomena Pennacchio, una tra le più note “brigantesse”. Figlia di un macellaio, nata in Irpinia nella provincia borbonica di Principato Ultra, fin dall’infanzia incrementò il povero bilancio familiare servendo come sguattera presso alcuni notabili del paese. Alcuni mesi dopo il primo incontro con Giuseppe Schiavone, famoso capobanda lucano, vendette per alcuni ducati il poco che aveva e lo seguì nella latitanza. La vita brigantesca la rese subito un’intrepida combattente, evidenziando le sue inclinazioni sanguinarie. Con Schiavone partecipò a furti di bestiame ed a sequestri di persona, trovando modo di meritarsi il rispetto e la simpatia di tutta la banda. Non si sottrasse nemmeno all’omicidio, avendo preso attiva parte all’eccidio di nove soldati del 45° Reggimento di Fanteria nel luglio del 1863 a Sferracavallo. Era altresì capace di slanci di generosità come è testimoniato dal soccorso che offrì ad alcune vittime della banda Schiavone e per aver cercato di salvare alcune vite. Di lei si disse anche, ma senza suffragio di prove, essere stata non solo l’amante di Schiavone ma anche di Carmine Crocco, il leggendario e riconosciuto capo di tutte le bande lucane e dei suoi luogotenenti Ninco Nanco e donato Tortora. La presenza di più donne nella banda portava facilmente ad episodi di gelosia, dei quali si servì largamente l’esercito occupante per annientare il nemico. E fu proprio la gelosia di Rosa Giuliani, cui Filomena Pennacchio aveva sottratto i favori di Schiavone a tradire quest’ultimo: la delazione della Giuliani consentì, infatti, l’arresto di Schiavone e di altri briganti che furono subito condannati a morte. Prima di morire il feroce Schiavone volle rivedere ancora Filomena, gravida di un suo figlio. Fu un incontro tenerissimo tra la brigantessa regina di ferocia ed il capobanda terrore delle valli dell’Ofanto che in ginocchio – chiedendole perdono – le baciava le mani, i piedi ed il ventre pregno. Filomena Pennacchio però non visse – come altre – nel ricordo del suo uomo. Preferì – allettata da una promessa di sconto della pena - tradire anch’essa e fece catturare con le sue rivelazioni un altro luogotenente di Crocco, Agostino Sacchitiello ed altre due famose “brigantesse”, Giuseppina Vitale e Maria Giovanna Tito. Condannata a venti anni di reclusione, la Pennacchio godette di vari sconti di pena: dopo sette anni di detenzione tornò a casa ed anche per lei si aprirono le porte di una vita anonima. Nella storia della calabrese Marianna Olivierio, detta “Ciccilla”, è sempre il sentimento della gelosia il detonatore che fa esplodere la determinazione criminale della “brigantessa”: Ciccilla era una bellissima ragazza dalle lunghe e nere chiome e dagli occhi corvini. Sposa di Pietro Monaco, un ex soldato borbonico ed ex garibaldino, datosi al brigantaggio dopo un omicidio, non lo aveva inizialmente seguito. Rimase nel proprio paese, accontentandosi di

Clicca sulla immagine per ingrandire
Il brigante Carmine Crocco

rari, furtivi momenti di intimità con il marito quando questi scendeva dai monti, fino a quando venne a sapere che Monaco aveva avuto una fugace relazione con la sorella. Ciccilla decise di vendicarsi. Invitò la sorella in casa e – nel cuore della notte – la trucidò con un pugnale, martoriandone il corpo con una trentina di colpi d’ascia. Subito dopo – a dorso di mulo – raggiunse la banda del marito, divenendone addirittura il capo di fatto. Il raccapriccio che accompagnò le sue gesta si diffuse in tutto il circondario. Perfino i suoi stessi briganti ne ebbero terrore e disprezzo. Usava, ad esempio, infierire sui cadaveri dei nemici uccisi, mutilandoli atrocemente con coltelli e rasoi che portava sempre con sé. Catturata dopo la morte del marito, fu disconosciuta dai suoi stessi familiari. Anche la madre rifiutò di visitarla in carcere. Il processo, che fu celebrato a Catanzaro con grande partecipazione di gente e che vide come testimoni a carico anche i parenti suoi e del marito, si concluse con la condanna a morte. Ed è uno dei rarissimi, se non l’unico, caso di sentenza capitale per una donna. La sentenza – contrariamente a quanto sostengono taluni frettolosi cronisti - non fu poi eseguita ma tramutata nell’ergastolo perché il governo italiano non aveva interesse a mostrarsi all’opinione pubblica internazionale come giustiziere di una donna. Storie brigantesche, come si vede di inaudita ferocia, ma anche storie di teneri sentimenti che le esasperazioni di una guerra civile non riescono a sopprimere del tutto. Accanto a donne che uccidono senza pietà e che spingono la loro ferocia – come affermano le cronache giornalistiche e giudiziarie dell’epoca – fino ad inzuppare del sangue delle loro vittime il pane che poi addentavano avidamente, vi sono donne che continuano a mandare messaggi d’amore ricamati su fazzoletti (Maria Suriani al “capitano Cannone”) o a ricamare per mesi l’immagine dell’amante (con tanto di fucile a trombone) su una tovaglietta, una delle quali ancora oggi viene conservata come cimelio. Nemmeno sfugge alla dura legge della guerriglia e della latitanza il bisogno di sentirsi pienamente donna, di essere madre. Sono molti gli esempi di briganti catturati in combattimenti che, ad un più attento esame, si rivelano “brigantesse” in stato di gravidanza. E’ difficile però sostenere che ad indurle alla gravidanza sia solamente il calcolo previdente di una maggiore clemenza dei giudici in caso di arresto e la prospettiva di un trattamento carcerario più umano. E’, semmai, più lecito pensare che le gravidanze siano la dimostrazione della necessità di chi si è dato alla macchia di ricostruirsi una vita normale, anche attraverso i sentimenti più naturali. Rosa Reginella, della banda di Agostino Sacchitiello viene catturata con il suo compagno a Bisaccia nel novembre 1864, dopo un accanito combattimento a cui non si sottrae, nonostante la gravidanza avanzata. Due mesi dopo, infatti, partorisce in carcere. Gravide al momento della cattura sono anche Serafina Ciminelli - simile per aspetto e corporatura ad una bambina - compagna del capobanda Antonio Franco e la bella Generosa Cardamone, amante di Pietro Bianchi. Per le brigantesse catturate si aprono le vie del carcere. La legislazione dell’epoca non prevede condanne differenziate per i due sessi ma l’orientamento dei giudici appare quello di comminare condanne più lievi alle donne, anche in considerazione del fatto che quasi mai è possibile processualmente accertare la volontarietà nella scelta di delinquere. Normalmente la pena inflitta si aggira sui quindici anni di carcere, spesso in parte condonati. Si tratta però di una condanna solo in apparenza più lieve. Infatti, le condizioni di vita all’interno dei vecchi bagni penali borbonici, trasformati in carceri del Regno d’Italia sono pessime: il rancio è appena sufficiente a sopravvivere, le condizioni igienico sanitarie sono impossibili. Costrette ad una vita di stenti, a continui spostamenti, a marce forzate le “brigantesse” accusano – più dei loro uomini - il peso dei disagi fisici e quando vengono catturate mostrano i segni della debilitazione. La mancanza di igiene (per coprirsi spesso indossano gli abiti sporchi dei nemici uccisi in combattimento) produce infezioni, che poco o niente curate in carcere, le portano ad una morte prematura. E’ il caso, ad esempio, della Ciminelli che appena un anno dopo la cattura muore come recita l’arido atto di morte del comune di Potenza per “setticemia”, provocata da un’infiammazione del perineo. Il dramma delle donne del

Clicca sulla immagine per ingrandire
Ferdinando II, re delle Due Sicilie

brigantaggio si consuma nell’indifferenza, quando non nel disprezzo, nel silenzio dell’opinione pubblica. Gli atti ufficiali dei Carabinieri Reali, quelli delle Prefetture, i fascicoli processuali le accomunano tutte ai loro uomini, non attribuendo mai alle donne del brigantaggio un ruolo di soggetto sociale autonomo. Le cronache giornalistiche e gli scrittori coevi le descrivono solo come manutengole, amanti, concubine, ” ganze”, “drude”, donne di piacere dei briganti. Ciò ha impedito di prendere in considerazione il fenomeno e non ha consentito uno studio più approfondito sui risvolti sociali e politici della rivolta delle donne meridionali. Delle “brigantesse” restano oggi solamente le poco foto che la propaganda di regime ha voluto tramandare per una distorta lettura iconografica del brigantaggio. Così, accanto a “brigantesse” che si sono fatte ritrarre - armi in pugno - in abiti maschili, vi sono le foto ufficiali dopo la cattura e, talora, dopo la morte in una postura innaturale. Come i loro uomini, trucidati e frettolosamente rivestiti, legati ad un palo o ad una sedia, gli occhi rigidamente spalancati, con in mano i loro fucili e circondati dai loro giustizieri. Macabro trofeo di una guerra civile occultata”. Ricordiamo per tutte Michelina De Cesare, che fu catturata e torturata affinché rivelasse i nomi dei partigiani meridionali e, visto che ella si rifiutava di farlo, fucilata e fotografata prima e dopo il supplizio (30 agosto 1868). L’insensibilità delle nuove classi dirigenti nei confronti dei problemi del Sud e l’incapacità di cogliere la distanza che separava le due parti costitutive del nuovo Stato emersero con chiarezza nel modo con il quale il governo nazionale decise di piegare la rivolta, di estinguere il fenomeno del brigantaggio. Già nel novembre del 1860, pochi giorni dopo l’incontro di Teano tra re Vittorio e Garibaldi, sui muri dei paesi intorno Avezzano era stato affisso un proclama (tra i primi di una lunga e tragica serie) del generale piemontese Pinelli (decorato dai Savoia, con medaglia d’oro al valore, per la campagna contro il brigantaggio) che ordinava: “1) chiunque sarà colto con arma da fuoco, coltello, stili od altra arma qualunque da taglio o da punta e non potrà giustificare di essere autorizzato dalle autorità costituite sarà fucilato immediatamente; 2) chiunque verrà riconosciuto di aver con parole o con denari o con altri mezzi eccitato i villici ad insorgere sarà fucilato immediatamente; 3) eguale pena sarà applicata a coloro che con parole od atti insultassero lo stemma dei Savoia, il ritratto del Re o la bandiera italiana. Abitanti dell’Abruzzo Ulteriore, ascoltate chi vi parla da amico. Deponete le armi, rientrate tranquilli nei vostri focolari, senza di che state certi che tardo o tosto sarete distrutti”. In seguito, giacché si era sparsa per l’Europa la notizia che nel sud d’Italia stava avvenendo un massacro, il governo inviò l’ordine di fucilare solo i capi e di mettere in carcere in attesa di processo gli altri; narrava, in proposito, il generale Enrico Della Rocca (responsabile del massacro di Scurgola con 117 vittime): “Ma i miei comandanti di distaccamento che avevano riconosciuta la necessità dei primi provvedimenti, in certe regioni dove non era possibile governare se non incutendo terrore, volendosi arrivare l’ordine di fucilare soltanto i capi telegrafavano con questa formula: “Arrestati, armi alle mani, nel luogo tale tre, quattro, cinque capi di briganti” ed io rispondevo: fucilate!”. Nel luglio 1861 Enrico Cialdini, già a capo di tutte le forze di repressione ed autore di ordini scritti ai suoi sottoposti che suonavano: “Non usare misericordia ad alcuno, uccidere tutti quanti se ne avessero tra le mani”, assommò su di sé anche la carica civile di luogotenente diventando di fatto il responsabile unico delle sorti del Mezzogiorno. La situazione era veramente preoccupante con i guerriglieri che operavano non solo sui monti e le pianure, ma persino alle porte di Napoli tanto che Cialdini arrivò a promettere 25 lire di ricompensa a chi catturava un “ribelle”; lo stesso generale, per sicurezza, spesso di notte andava a dormire su una fregata e così scrisse al primo ministro Bettino Ricasoli, succeduto al Cavour: “Il nostro governo in queste province è debolissimo…non ha altri partigiani sicuri che i battaglioni di cui dispongo”. Abolito l’istituto della luogotenenza, a lui successe, nell’ottobre 1861, il generale La Marmora, che assommò su di sé la carica di prefetto di Napoli ed il comando militare della repressione del brigantaggio. Re Vittorio Emanuele II, nell’agosto del 1862, decretò lo stato d’assedio; in questo modo nel Sud l’autorità militare veniva ad essere superiore a quella civile (La Marmora ordinò ai procuratori di “non porre in libertà nessuno dei detenuti senza l'assenso dell' esercito”). Un corpo di spedizione, che, nel giro di due anni, raggiunse i centomila uomini, la metà dell’esercito nazionale, occupò militarmente le regioni meridionali e represse la guerriglia con costi umani altissimi: 5000 morti in azioni di

Clicca sulla immagine per ingrandire
Il garibaldino Nino Bixio

guerra e più di 7000 condannati alla pena di morte o al carcere a vita. Anche nell’esercito regolare le perdite furono alte, superiori di parecchio a quelle subite nelle guerre del Risorgimento. Sull’onda delle proteste interne ed internazionali fu istituita, nel dicembre 1862, una Commissione Parlamentare di Inchiesta per studiare il fenomeno del brigantaggio nelle province meridionali e le sue cause politiche e sociali. L’inchiesta, nota come Massari – Castagnola, già più volte proposta dalla sinistra, avrebbe dovuto anche sollevare il velo di silenzio steso dal governo sugli errori e sugli abusi compiuti dall’esercito nell’opera di repressione. Nel maggio 1863 la Commissione d’Inchiesta concluse i lavori. I risultati, raccolti in una lunga relazione, vennero letti alla Camera in diverse sedute e furono pubblicati in estate sul giornale “Il Dovere”. La relazione evidenziava numerose ragioni economiche e sociali del fenomeno del brigantaggio, ma evitava di parlare delle responsabilità del governo, chiamando, invece, in causa l’attività degli agenti borbonici e clericali. In sostanza, concludeva la relazione, “Roma è l’officina massima del brigantaggio, in tutti i sensi ed in tutti i modi, moralmente e materialmente: moralmente perché il brigantaggio indigeno alle province meridionali ne trae incoraggiamenti continui e efficaci; materialmente perché ivi è il deposito, il quartier generale del brigantaggio d’importazione”. In essa si insisté sull’interpretazione del fenomeno del brigantaggio come frutto di delinquenza comune, retaggio del vecchio regime, e come l’effetto dei tentativi di riconquista delle Due Sicilie, da parte di Francesco II, con la complicità dei preti meridionali legittimisti. Come conseguenza di questa analisi, venne approvata, ad agosto, con procedura d’urgenza, la famigerata legge Pica (che rimase operativa fino al 1865) la quale aboliva qualsiasi garanzia costituzionale; in virtù di essa furono insediati otto speciali Tribunali militari, i collegi di difesa vennero assegnati agli ufficiali e si abolirono i tre gradi di giudizio che erano operativi nell’altra parte d’Italia. In pratica le condanne, che erano inappellabili, variavano dalla fucilazione ai lavori forzati (spesso a vita); venne stabilito il reato generico di “brigantaggio” in virtù del quale ogni sentenza era legittima; anche persone non partecipi alla rivolta persero la vita perchè accusate ingiustamente di brigantaggio da loro nemici personali i quali, in questo modo, saldavano sbrigativamente dei conti in sospeso. Giuseppe Massari, presidente della commissione, scrisse nel 1863: “La sola miseria non sarebbe in effetti cotanto perniciosa se non fosse congiunta ad altri mali che la infausta signoria dei Borboni creò ed ha lasciato nelle province napoletane. Questi mali sono l’ignoranza gelosamente conservata ed ampliata, la superstizione diffusa ed accreditata, e segnatamente la mancanza assoluta di fede nelle leggi e nella giustizia”. Egli proponeva come rimedi la riforma agraria, la diffusione dell’istruzione pubblica, la costruzione di strade, le bonifiche ecc. Ma, viceversa, si inviarono 120.000 uomini (quasi la metà dell’intero esercito) per reprimere con la forza il fenomeno e si commisero abusi come fucilazioni di chi era trovato in possesso di armi, arresto domiciliare degli individui sospetti e così via. I briganti risposero con non meno ferocia: soldati furono legati agli alberi ed arsi vivi, altri furono crocifissi o mutilati. Le repressioni piemontesi giunsero anche all’interno delle fabbriche. Per spezzare la resistenza dei briganti i generali incaricati della repressione arrestavano anche le loro famiglie promettendone la liberazione a patto che essi si costituissero, dopo di ciò i briganti erano avviati al plotone di esecuzione o al carcere. Il bilancio totale delle vittime fu drammatico, fu un vero massacro: le cifre non sono tutte concordi, quelle ufficiali si limitano alle dichiarazioni di La Marmora alla Commissione di Inchiesta sul Brigantaggio dove affermò che “Dal mese di maggio 1861 al mese di febbraio 1863 noi abbiamo ucciso o fucilato 7.151 briganti. Non so niente altro e non posso dire niente altro”. Ad essi vanno aggiunti i caduti dell’esercito italiano: “I morti dal 1 maggio 1861 al 31 dicembre 1864, l’unico periodo per il quale esistono dati ufficiali, furono 465, 18 i dispersi e 190 feriti, ai quali sono da aggiungersi i 138 morti ed i 63 feriti della Guardia Nazionale”; in realtà,

"C'è l'Italia, là,
o signori,
e se vorrete
che l'Italia si compia,
bisogna farla
con la giustizia"

come affermò lo storico Denis Mack Smith, le vittime furono più numerose di tutti i soldati persi dal regno sabaudo nelle guerre di indipendenza contro l’Austria (che erano poco più di seimila). Quasi tutti i briganti erano giovani e morirono prima dei 30 anni di vita. L’efferatezza tipica di una guerra civile si palesò anche con gesti disumani come l’esposizione in pubblica piazza dei cadaveri insepolti dei briganti o delle loro teste mozzate conservate in apposite teche trasparenti o anche nelle frequentissime macabre fotografie di briganti uccisi; scrive sempre De Jaco: “Col terrore i generali piemontesi cercavano di spezzare la solidarietà dei”cafoni” con i briganti. Ma il terrore non è stata mai arma sufficiente e valida per isolare i combattenti dalla popolazione che li sostiene; così le fucilazioni non liquidarono, ma aumentarono la solidarietà popolare per le vittime. La leggenda che faceva dei briganti tanti eroi popolari, paladini ed unica speranza dei miseri contro i prepotenti e ricchi, trovava così mille riprove e questa fama assumeva subito due volti opposti: il volto del giustiziere implacabile, per i pastori e le plebi, quello della belva feroce per i benestanti; erano i ricchi, infatti, ad aver paura dei rapimenti di persona con richiesta di relativo riscatto, dei saccheggi, dell’incendio delle messi, del taglio delle viti, delle uccisioni, mentre gli zappatori non avevano niente da perdere, anzi ottenevano dal brigante qualche protezione contro i mille soprusi ed i patimenti di cui era piena la loro giornata. Non ci voleva comunque molto perché i nomi dell’uno o dell’altro brigante salissero in fama di grande ferocia, temuti dai viandanti più dei lupi affamati. I briganti stessi desideravano questa fama, condizione indispensabile per far riuscire i ricatti con i quali, dalla selva, potevano procurarsi il cibo o il denaro; inoltre la particolare ferocia e la prontezza, l’ardimento e la forza fisica erano le condizioni per primeggiare tra gli stessi compagni di ventura, la loro risolutezza finiva con l’esprimersi in una dura disciplina interna alle bande che prevedeva la morte per ogni viltà o disubbidienza”. Il 18 aprile 1863 il deputato Miceli, che aveva visto i massacri perpetrati dalle truppe in Calabria, dichiarava che gli uomini erano fucilati senza neppure uno straccio di processo, le sue dichiarazioni furono messe in dubbio dai sostenitori del governo, ma intervenne il generale Nino Bixio, luogotenente di Garibaldi, e, pertanto, fiero nemico della reazione, che si alzò per confermarle, dichiarando che quanto aveva affermato Miceli era vero e che poteva attestarlo per cognizione personale. “Un sistema di sangue”, egli esclamò, “è stato stabilito nel Mez¬zogiorno d'Italia. Ebbene, non è col sangue che i mali esistenti saran¬no eliminati. C'è del vero in ciò che l'onorevole Miceli ha detto: è evidente che nel Mezzogiorno non si domanda che sangue, ma il Par¬lamento non può adottare gli stessi sistemi. C'è l'Italia, là, o signori, e se vorrete che l'Italia si compia, bisogna farla con la giustizia, e non con l'effusione del sangue”. Nicotera, un altro garibaldino, parlò nel medesimo senso dei suoi colleghi Ferrari, Miceli e Bixio. “Il governo borbonico”, egli disse, “aveva almeno il gran merito di preservare le nostre vite e le nostre sostanze, merito che l'attuale governo non può vantare. Le gesta alle quali assistiamo possono essere paragonate a quelle di Tamerlano, Gengis Khan e Attila”. Nel dibattito dell’8 maggio 1863, alla Camera dei Comuni britannica, oratori di varie correnti politiche si dichiararono d’accordo con il Ferrari sul cosiddetto “brigantaggio”, ossia che si trattava di una vera guerra civile. “Il brigantaggio”, disse Mr. Cavendish Bentinck, “è una guerra civile, uno spontaneo movimento popolare contro l'occupazione straniera, simile a quello avvenuto nel regno delle Due Sicilie dal 1799 al 1812, quando il grande Nelson, sir John Stuart ed altri comandanti inglesi non si vergognarono di allearsi ai briganti di allora ed il loro capo, il cardinale Ruffo, allo scopo di scacciare gli invasori francesi”. “Desidero sapere”, rilevò Disraeli nel corso della stessa seduta, “in base a quale principio discutiamo sulle condizioni della Polonia e non ci è permesso di discutere su quelle del Meridione italiano. È vero che in un Paese gl'insorti sono chiamati briganti e nell’altro patrioti, ma, al di là di questo, non ho appreso da questo dibattito nessuna altra differenza fra i due movimenti”. Citiamo anche le proteste inviate al governo italiano dall’imperatore Napoleone III, che il 21 luglio scriveva da Vichy al generale Fleury: “Ho scritto a Torino le mie ri¬mostranze; i dettagli di cui veniamo a conoscenza sono tali da far ri¬tenere che essi alieneranno tutti gli onesti dalla causa italiana. Non solo la miseria e l'anarchia sono al culmine, ma gli atti più colpevoli ed indegni sono considerati normali espedienti: un generale, di cui non ricordo il nome, avendo proibito ai contadini di portare scorte di cibo quando si recano al lavoro nei campi, ha decretato che siano fucilati tutti coloro che sono trovati in possesso di un pezzo di pane. I Borboni non hanno mai fatto cose simili. Firmato: Napoleone”. In conclusione, l’intervento dell’8 giugno del 1864 del deputato Minervini: “Si sono condannati alla morte e colla fucilazione anche nelle spalle (il che è contro la legge) individui volontariamente presentati. Si sono condannati a morte i minori arrestati non nell’atto dell’azione….si sono passati per le armi individui non punibili per brigantaggio…si sono condannate per manutengole di briganti con complicità di primo grado le mogli dei briganti ai ferri a vita, e le figli e minori di 12 anni a 10 a 15 anni di pena”. “Quei poveri cafoni, che avevano combattuto o erano stati simpatizzanti dei briganti, nei quali riconoscevano le loro idee di lotta e di amore per una patria reale, fatta di piccole cose, di modeste realizzazioni, di pane e libertà, di vita frugale; che erano contro tutti quelli che gridavano per una patria costruita a tavolino, astratta, ideata, pensata appositamente per l’agiografia e per gli alibi dei potenti e dei prepotenti che non intendevano cedere i privilegi acquisiti da secoli, quei poveri cafoni pagarono da soli il prezzo dell’unità d’Italia”. Le carceri arrivarono ad ospitare dai 30 ai 40 mila detenuti politici che versavano in condizioni disastrose. Riferisce Eduardo Spagnuolo: “Anche molti fiancheggiatori (i cosiddetti manutengoli) pagavano con la vita l’appoggio ai briganti”. Alla fine del 1864 il Sud si poteva considerare rappacificato, ma non era stato risolto il problema fondamentale che aveva scatenato la prima grande ribellione della storia dell’Italia unita: la miseria e l’oppressione sociale dei contadini meridionali.

 

Fonte: http://www.storiain.net

CONDIVIDI - SHARE